ires50
Home Autonomia Sicurezza Povertà relativa
16 | 12 | 2018
PDF Stampa E-mail

Povertà relativa

Tabella in formato excel expo_excel
Analisi:
Territorio:
Anno:
Genere:

Definizione operativa:  
Una famiglia viene definita povera in termini relativi se la sua spesa per consumi è pari o al di sotto della linea di povertà relativa. La stima della povertà relativa si basa sull'uso di una linea di povertà nota come International Standard of Poverty Line (ISPL) che definisce povera una famiglia di due componenti con una spesa per consumi inferiore o uguale alla spesa media per consumi pro-capite. 
Tendenze:  
Nel 2017 il 6,8% delle famiglie piemontesi è relativamente povero. Tra le regioni del Nord Italia solo in Friuli Venezia Giulia e in Liguria si osserva una incidenza superiore della povertà relativa rispetto al Piemonte, il resto delle regioni, invece, presenta una quota minore di famiglie in tale condizione. In Piemonte, tra il 2013 e il 2017, si osserva un andamento crescente dell’indicatore, tranne nel 2016 in cui scende al 6% per poi risalire.
 Note:

  A partire dall’anno 2014 la fonte dell’elaborazione è l’indagine sulle spese delle famiglie, che ha sostituito l'indagine sui consumi delle famiglie. Le sostanziali modifiche introdotte hanno   reso necessario ricostruire le serie storiche della povertà relativa a partire dal 1997.

   Fonte dei dati: 

ISTAT, Indagine sui consumi delle Famiglie

  Pubblicazioni: 

Istat, La povertà in Italia, pubblicato 26 giugno 2018                                                                                                                                                                                   Istat, La spesa per consumi delle famiglie, pubblicato 19 giugno 2018                                                                                                                                             OECD Integrating Social Services for Vulnerable Groups 2015

 
Amministrazione