Famiglie a bassa intensità lavorativa

Stampa

Famiglie a bassa intensità lavorativa

Scarica i dati expo_excel
Analisi:
Territorio:
Anno:
Genere:

Incidenza di persone che vivono in famiglie con una intensità lavorativa molto bassa. Ai fini del calcolo di tale rapporto, si considerano i membri della famiglia di età compresa fra i 18 e i 64 anni, escludendo: gli studenti 18-24enni, coloro che si definiscono ritirati dal lavoro o che percepiscono un qualunque tipo di pensione (escluse quelle di reversibilità o ai superstiti), gli inattivi nella fascia di età tra i 60 e i 64 anni che vivono in famiglie dove la principale fonte di reddito è la pensione (escluse quelle di reversibilità o ai superstiti). Le famiglie composte soltanto da minori, da studenti di età inferiore a 25 anni e da persone di 65 anni o più non sono incluse nel calcolo dell'indicatore.

I piemontesi che, nel 2023, vivono in famiglie con un’intensità lavorativa molto bassa sono pari al 4,5%, la percentuale più elevata di tutte le altre regioni del Nord, ad eccezione della Liguria, seppure al di sotto della media nazionale (9,8%).

EUROSTAT, REGIO, NEW CRONOS. Indagine europea sulle Forze lavoro (LFS).

Bassa intensità di lavoro: l'intensità è calcolata considerando in ogni famiglia gli individui in età da lavoro e computando il numero di mesi (nell'anno precedente a quello della rilevazione) in cui hanno lavorato sul totale dei mesi dell'anno; l'intensità si considera molto bassa quando è inferiore al 20%.

Break nella serie storica: il 2021 è discontinuo rispetto all'anno precedente a causa di una modifica della popolazione di riferimento. Fino al 2020 la popolazione di riferimento è under 60 anni, dal 2021 in avanti è under 64 anni.

amministrazione

area riservata

Cerca